Salvato dal DAE sul campo da tennis
  • 0
    Il tuo carrello è vuoto

Salvato dal DAE sul campo da tennis

Salvato dal DAE sul campo da tennis

17/08/2016

L'arresto cardiaco spesso coglie senza preavviso, senza nessuna avvisaglia di malessere che lo preceda. Può colpire chiunque, giovani e meno giovani, uomini e donne, in buona salute o con qualche problema. E non avvisa prima.

È ciò che è successo a un medico di 50 anni mentre giocava tranquillamente a tennis nella società sportiva canottieri Vittorino da Feltre di Piacenza lo scorso 14 agosto, intorno alle 18. Il medico è stato prontamente assistito da una dottoressa del Pronto Soccorso di Piacenza che si trovava sul posto e che ha utilizzato il defibrillatore semiautomatico esterno (DAE) in dotazione all'impianto sportivo. La tempestività del soccorso ha giocato un ruolo fondamentale per la salvezza dell'uomo che si era già ripreso all'arrivo dell'automedica e dell'ambulanza e che ora è ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Piacenza.

Questa persona deve la vita al senso civico dei titolari di questo impianto sportivo che, nonostante la proroga del Decreto Balduzzi che avrebbe dovuto essere operativo già da gennaio 2016 ma che è stato rinviato prima luglio 2016 e poi a novembre 2016, era già dotato di defibrillatore. Nell'area di Piacenza, grazie all'Associazione Progetto Vita, nel 1998 è nato l'omonimo progetto, il primo a livello europeo di Defibrillazione Precoce sul territorio piacentino per la prevenzione della morte improvvisa dovuta ad arresto cardiaco.

Proprio dall'inizio del 2016, in Italia, si contano già 77 decessi in impianti sportivi privi di defibrillatore. A questo punto non possiamo che augurarci che non ci siano ulteriori proroghe a questo decreto salvavita.

Fonti: 

http://www.progetto-vita.eu/it/news/208-piacenza-salvato-col-defibrillatore-sul-campo-da-tennis.html

http://www.ilpiacenza.it/cronaca/salvato-col-defibrillatore-sul-campo-da-tennis.html